Blog

Migrazioni e sistemica – Lab di Costellazioni familiari-spirituali

IlCorpoRisvegliato© – pillole
9 ottobre 2017 ore 20:45 – Centro di Ricerca Ky, Cesena

La terra natia
Le ragioni delle migrazioni, come le loro conseguenze, si rivelano spesso essere sistemiche.

Quanto, alla luce di queste ragioni, è possibile ottimizzare la vita di noi stessi o dei nostri figli in un paese straniero? Possiamo andarcene solo voltando le spalle, magari rifiutando la connessione profonda con la terra natia, talvolta vergognandosi delle proprie radici, sentendosi superiori e onnipotenti? Accade anche con il paesello. Dove ritrovo la forza? Nelle radici? Nei rami? Nei fiori, certamente più invitanti?

La divulgazione delle costellazioni sistemiche, nella loro nuova evoluzione, ha reso più o meno note le conseguenze del rifiuto della madre. Meno elaborate sono le conseguenze del “rifiuto” e dell’abbandono della terra natia, la terra-madre. È così diverso? Continue reading

L’Arte dell’Intimità: sì al corpo

Il corpo risvegliato© presenta:
L’arte dell’intimità

Dal corpo addomesticato al corpo risvegliato.
Dal corpo facciata al corpo tempio.
con Elsa Masetti – Nityama

Il risveglio è intimità con tutte le cose [Dogen]
Possiamo cominciare dal nostro corpo con cui la coscienza è in continua squisita unione?
L’intimità comincia frequentando con animo aperto e sincerità noi stessi, come fossimo l’Amato o l’Amata. Comincia esplorando le forze vitali del nostro corpo con curiosità e accoglienza. Inizia osservando il nostro funzionamento.
In questo modo, magari, sarà più facile scoprirsi, scoprire il nostro corpo come dimora più che esca, e avvicinare quell’integrità, di cui poi fare dono all’altro.

►Il risveglio e l’apertura del campo energetico, dell’intelligenza corporea e della sensorialità.
►Una maggiore integrazione della parte alta e bassa del corpo. Il loro scollamento è alla base di molti disturbi di natura sessuale.
► L’Amplificazione dell’Ascolto del corpo interiore.

Questo fine settimana rappresenta la base del percorso IlCorpoRisvegliato© – elsamasetti.it
PERCHÈ?
Sento esista il bisogno di una forma di educazione per adulti che restituisca integrità e potere sacro alla sessualità. Che copra il posto vacante tra quei pochi elementi educativi raccolti in modo sporadico ed emozionale dalle varie figure affettive, sociali, mediche e i troppi elementi diseducativi derivanti dalla cultura mediatica intrisa di messaggi sessuali, seduzione, amore romantico e pornografia.

PER CHI?
Per tutti coloro che desiderano vivere con maggior pienezza il sesso e l’amore, una sessualità libera da copioni permissivi e repressivi, che anelano a un’intimità più vera e appagante. Ma anche per operatori e professionisti nel campo dell’educazione sessuale, della ginecologia, dell’andrologia, delle relazioni di coppia e del relazionarsi in genere.

Programma

  • Accogliere e dare il benvenuto al nostro corpo.
    • Essere il corpo, essere nel corpo. Esplorazione del corpo interiore
    • Sentire la vita nel corpo.
    • Il corpo sentito (e quello pensato), il corpo addomesticato
    • I due Latian – ritrovare la spontaneità
    • La differenza tra emozione e sensazione.
    • Esplorazione sensoriale.
    • Due diverse energie d’amore nel corpo.
    • Lo stomaco energetico e il plesso solare.
    • Convinzioni sul corpo e auto indagine.
    • Tutto il corpo ascolta
    • Tecniche dal Vigyan Bhairav Tantra
    • L’ unione con il tutto: Mahamudra

7-8 ottobre, Roma – Loc. Fioranello
info e prenotazioni: delfina01@hotmail.com – 338 1168168
28-29 ottobre, Castronno (VA) – Centro Olistico Sana
info e prenotazioni: Barbara Tel: 393 4038249
associazione.ilgiardinodelre@gmail.com
12-13 novembre, Cesena(FC) – Centro di Ricerca Ky
info@centrodiricecaky.it, 340 7880612

 

La Terra Natia: migrazioni e sistemica

Il termine patria assume spesso una connotazione ideologica e nazionalista, impugnata per contrapporre, sollevare ostilità. Si tratta di una parola di difficile masticazione, talvolta bypassata da coloro che si ritengono, in un certo qual modo, superiori ad appartenenze di siffatto vecchiume antropologico. È più romantico ed evoluto dire che siamo figli delle stelle. La qual cosa è anche vera, di più se alleggerita da una certa supponenza.

Amo tornare al significato originario del termine, liberandolo da associazioni di parte: patrius, patrium è la terra patria, la terra dei padri, degli avi. È la terra natia, la terra-madre. È il luogo di nascita. E qui mi fermo.
Si è forse oltre – liberi – da ciò che in profondità nutre il nostro senso di appartenenza con lo schiocco di dita della frasona spirituale che ci vede tutti figli dell’universo? Si tratta della nostra cultura, della nostra terra, etnia, tradizione, religione. No, non basta la citazione liberante di turno. È nell’inclusione di quell’appartenenza e dei suoi valori, nell’onorare quelle radici e aprire il cuore a tale osteggiata nostalgia che si apre uno spazio al senso d’interconnessione e di sollievo. Ho conosciuto in me la puzza snob di chi pensa di potersi lasciare alle spalle il provinciale paesello, per acquisire chissà quale status speciale altrove. Continue reading

Armonia di Coppia – Evento

IlCorpoRisvegliato – pillole, presenta
Una giornata dedicata all’unione con il partner
Con Elsa Masetti – Nityama
http://www.elsamasetti.it/chi-sono/

Chiavi sistemiche, meditazioni e scambi per rafforzare l’amore nella coppia, la sinergia sessuale, il desiderio di unione.

► nutrire e riaffermare l’amore nell’intimità di coppia
► approfondire ed espandere il rapporto d’amore sessuale
► coltivare la risonanza per invitare un partner in sintonia con i
nostri bisogni più veri.

Quando: sabato 30 settembre 2017
Dove: A Fano, via sorelle morelli 19, 61032 Cuccurano
Info e prenotazioni: 328 1760671 – 340 7880612
info@meditamondo.it

Per la coppia “in salute” (non psicoproblematica), che intende la relazione quale terreno di consapevolezza ed esplorazione della natura dell’amore.
Per i singoli che non intendono ripetere gli stessi modelli del passato.

Ore 9:30 – 18:00
È prevista una pausa pranzo dalle 1:00 alle 14:30 dove ognuno può consumare un pranzo al sacco. Il luogo è provvisto di spazi molto ospitali per mangiare all’interno e all’esterno.
Sono inoltre previsti due brevi intervalli a base di bevande calde, frutta e snacks

La giornata finirà, se il tempo lo permette, con una semplice cerimonia sul litorale marino.

Info e prenotazioni: 328 1760671 – 340 7880612
info@meditamondo.it

Il cuore fisico è davvero la connessione con il Cuore (dell’Essere)?

Ops, ma il battito cardiaco cosa c’entra con il Cuore?
Quel Cuore lì, insomma, quello spirituale, di cui molti si foggiano e parlano.

Il cuore fisico è davvero la connessione con il Cuore? E se lo è qual è la tua esperienza diretta? Essere nel Cuore è per te essere in ascolto del battito cardiaco?

Quando qualcuno chiede: «Chi è Paolo?». Nella maggior parte dei casi, chi risponde, dicendo – Io sono Paolo – lo fa portando la mano al petto, che è anche e non solo l’area del cuore fisico e dei polmoni.

Nel dirlo, riconoscendo d’istinto il luogo di tale identità, è al nome di Paolo il riferimento, al cuore muscolo o magari, al senso di Esistere, di Essere?

Com’è per TE essere nel Cuore?

Quando dici: «ecco, sì, questa è un’esperienza di Cuore, come lo sai? In che modo la riconosci? Cosa accade nel corpo? Dove accade nel corpo?

Come lo sai quando affermi: “Sono a contatto, sono nel Cuore.
Come lo sai senza affidarti a ciò che conosci a proposito? Che cosa succede se cade ogni riferimento al decantato chakra e alle nozioni sul cuore fisico?
Inoltre, chi la riconosce?

Non ci sono premi e neanche risposte, men che meno immediate. Questi interrogativi sono come una salamoia che con qualche bacca di ginepro in qua e là, hanno la forza di trasformare le “cavolate” in veraci e inalterabili crauti 😀

Sono enzimi la cui salutare acidità può trasformare ciò che sai in “non sapere”.

Ti invito a sedere con me e a restarci a bagno, come tutti noi fummo nelle tiepide, saline acque di nostra Madre.

Eh no, non toccate lo yoga!

Sì ai bordelli, legali. È il male minore, ben lontano da una più sana soluzione.
Meglio del patetico puritanesimo che vieta ciò di cui è avido.
E poi, un corsetto di yoga, non se lo fa mancare quasi più nessuno. Ma che c’entra?

Una delle disgrazie è rendere la prostituzione illegale, la chiusura dei bordelli. 

A livello creativo ed evolutivo ci sarebbe molto da fare in tal senso. Formare per es delle vere love trainers che danno una mano ai giovani uomini a imparare ad amare. Oh no, non chi si cinge di tali titoli a parole. Le prostitute ci mettono la pratica, che è quella che conta. Ci vuole vocazione, turn over (lo scambio di fluidi continui e diversi è comunque alla lunga invasivo per la donna) e libertà dal profitto. Il compenso, tuttavia, rende libera la relazione tra dare e ricevere, azzera il debito della coscienza – In apparenza. Sarebbe da approfondire. Continue reading

Il bisogno indotto e l’obbligo vaccinale

Mai avuto una o un pediatra.

È buffo come nel tempo ci siamo convinti di aver bisogno di ciò di cui non abbiamo necessariamente bisogno, per noi e i nostri figli. A partire dalla maternità e dal parto, con tutto l’arsenale medico che mobilita.

Ricordo il medico di famiglia, quando ero bimba. Aveva i baffi pungenti quando abscultava e sulla soglia, il più delle volte, lanciava le sue prescrizioni: clistere di camomilla e mangiare in bianco. Nel tempo poi, i più, hanno preferito cedere al lavaggio del cervello che a quello dell’intestino.

Apprezzo gli avanzamenti della medicina e sono grata alla sua capacità d’intervenire nell’urgenza. Tuttavia per questa stessa funzionalità, non può essere preventiva. Deve creare bisogni e malattie per poter giustificare nuovi medicinali. Medicinali per combattere questa e quella minaccia. È il principio grossolano della guerra. Talvolta, inevitabile.

È necessario volgere lo sguardo dalla medicazione alla meditazione (grazie Osho). Coltivare la capacità innata (e non indotta) di essere consapevolimindful, come in molti, sedotti da nuovi nomi, preferiscono titolare questa capacità.
Fermi là, nessuna velleità di curare con la meditazione.

Ed è anche vero che il fare amicizia con il sentire profondo del corpo, permette di alleggerire quella nuvola di timore, paura, apprensione con cui tendiamo a circondare la nostra vita e quella dei nostri figli. È la paura di morire, il rifiuto della malattia, alla fine lo spauracchio della morte, che da così tanto potere all’industria farmaceutica. Il nuovo dio benevolente a cui sacrificare i nostri figli per evitare il peggio. Se la morte è il peggio che può accadere, la vita è, allora, già il peggio che ci è accaduto. Non si scappa.

La meditazione apre uno spazio di esplorazione oltre le convinzioni comprate da chicchessia. Contribuendo a riconoscerci nella nostra vera natura, porta in altra luce gli eventi naturali del vivere, come la malattia e la morte.

La scuola Warldof in questo è preziosa. Rispetta e lascia vivere al bambino e al genitore – che non può continuare a farsi i sui comodi a casa – altri livelli di esistenza, oltre a quello materialista ormai imperante.

I nostri figli non hanno bisogno di specialisti ma dell’inclusione dell’insondabile, nelle loro piccole vite ancora ricche di Quello. Hanno bisogno della nostra presenza nel quotidiano, nella natura, che li accompagni nella scoperta che ogni cosa muore e questo non impedisce alla vita di andare avanti.

La paura psicologica.
La parola chiave è quella paura, per chi sembra che ci tenga in pugno. L’unico contagio che solerti vogliono mantenere in vita è quello del panico.
Tutto il resto è messinscena.

Disobbedire con il Cuore

Parlare a agire dal Cuore

La meditazione di Atisha
Dedicata alle emozioni, alla condizione d’impotenza e ingiustizia, che l’obbligo vaccinale per es. lascia emergere.

L’atto di includere, accogliere nel Cuore ciò che stimola il nostro rifiuto, permette di restituirlo alla terra e al mondo in forma di serena attività, di gioiosa partecipazione. Dar posto nel Cuore ai sentimenti di sofferenza, fastidio, ingiustizia, rabbia, impotenza, dolore che ci abitano e che abitano il mondo, li restituisce alleggeriti, aggraziati.

Disobbedire è prestare attenzione e ascolto al Cuore, più che agli ordini rumorosi del mondo.

Siamo in un momento di particolari tensioni sociali, di decreti che minano apertamente le nostre valutazioni individuali, come quello dell’obbligo vaccinale. Un periodo “caldo”, di forze prevaricanti, in cui il mondo ci appare particolarmente duro e difficile.

Sollevarsi nel sociale, informare, prender parte a manifestazioni è importante. È fondamentale tuttavia, che la rabbia e il senso di separazione che ne derivano, lascino spazio a questa chiarezza: è la pace del cuore, la quiete interiore che trasformerà e “salverà” la Terra e con essa il mondo, che è ciò che abbiamo fatto della Terra.

mercoledì 19 luglio, ore 21
Facilitata da Elsa Masetti – Nityama
presso
ASS. culturale Meditamondo
Via sorelle morelli 19, FANO
prenotazioni al 328 1760671, Simonetta

Martedì 25 Luglio, ore 21
presso Ass. Gayatri
Via roversano 4489, CESENA

Amore e Meditazione è un evento del “IlCorpoRisvegliato©”, elsamasetti.it
Continuo con gioia a condividere ciò che con costanza, attenzione, cura mi è stato passato e affidato. Vi aggiungo, il mio “tocco”.”

Prove di Amore

C’è una sfilza di scuse spirituali, che assommate alle scuse in genere, ci mantengono al sicuro dall’amare e soprattutto dall’essere amati. Fateci caso, coloro che son convinti di amare, inorridiscono alla sola parola “prova”.
Robe da umani. Che non vivono all’Olimpo, ma sull’amata Terra.

“Tanto sesso e zero amore”, dice una giovane donna.

Risponde l’uomo, nella sua improvvisa, nobile vulnerabilità:
“Chiedi delle prove, donna, chiedile tu. Non solo nelle favole si arrivava al sesso solo se si superavano delle PROVE D’AMORE. Voglio invitare a restaurarle. Non foss’altro per evitare di perdere energia nelle delusioni. Quell’Amore ha bisogno di prove di…FEDE.”

Me medesima:
“Sì, è ora che sia la donna a porle, è ora che la donna torni al comando dell’amore. La distinzione tra sesso e amore è, alla sua essenza, patrimonio del principio femminile. La tracotanza del testosterone annebbia la mente maschile, ipnosi utile alla nobile riproduzione della specie. Questo del resto ogni animale che si rispetti sa farlo. La donna ha in sé il potere di accompagnare l’uomo in Paradiso, altro che compromessi piccanti e alla fine convenienti per compiacere l’uomo sessualmente. Talvolta, come in questo momento, mi sorprende la nobiltà dell’uomo e prendo atto di come la maggior parte di noi donne ci siamo fatte fare il lavaggio del cervello rinunciando al mazzo di chiavi più corposo per accedere al regno dell’amore(noi stesse).

Qui non si tratta di prove di esistenza dell’amore, del tipo c’è o non c’è. Si tratta piuttosto d’insegnare all’uomo ad amare, poiché, come dice un insegnamento mariano (non solo quello maya della cara Abuela Margarita, per chi la conosce), la donna ha imparato a fare l’amore dall’uomo, che non sa farlo, e questa è la ragione di tanta infelicità. L’uomo, per competenza biologica, sa fare soprattutto sesso e, per imitazione, anche tante donne. Fare l’amore, che ha troppo spesso il significato di fare come prestazione, significa creare Amore, e molto di quel che si crea è invece eccitazione e ricercate emozioni, che si trasformano poi in peste emozionale. Beatrice pone delle “prove” per accompagnare Dante al cospetto del divino, prove di amore non per se stessa ma che servano l’Amore e non dei, seppur nobili servi, che si son fatti padroni, come il sesso e simili.

La domanda, al femminile, non è quella, elemosinante, del: «Mi ami, mi ami abbastanza?». È un interrogativo interiore: “Mi ama abbastanza?” E la domanda, al maschile, è: “La amo abbastanza?”. Entrambi, individualmente, al servizio di Amore, con onestà. Essere onesti in amore è uno dei più difficili tra i compiti. Significa venire da dove siamo, proprio da lì, con le parole e le azioni, e non da ciò che ci fa sentire comodi, spiritualmente adeguati e ci  rende appetibili, amabili, sexi, come se l’amore dovessimo meritarcelo a suon di abili pompini e contorsioni conturbanti. Pornografia docet.

Ama come mediti e medita come ami. Amore e Meditazione

Ama come mediti e medita come ami.

Sì, come ami con quel benedetto corpo, come ami nel quotidiano, con quel senso di amore che sorge spontaneo al primo sorriso, al primo sole che fa capolino all’alba, con il sapore tenero della bellezza del volto amato, di un fiore appena sbocciato nonostante tutto, con il fiatone dopo una corsa che altrimenti perdi il treno, con la pazienza utile per diminuire le maglie quando fai un cappello ai ferri per tuo nipote…  Ama, come sai amare, come ti riesce, non farti fregare dalla scusa che non è il vero amore, quello incondizionato, quello di cui parlano gli spirituali che si rispettano. Ama, intanto, e lasciati amare. E se incontri un ostacolo, fidati. Che altro è quella fiducia se non amore?

E quando ami, quando ami senti quella fermezza della meditazione, quell’attesa di niente in particolare, sii quell’ascolto pieno, con gli orecchi, con gli occhi rivolti a tutto e niente, quella vibrazione della vita nel corpo, quel far niente che tanto l’erba cresce da sola. Ama con calore, con fervore, con totalità, non risparmiarti, con tutta la grazia che scorre nel momento, come meglio ti viene, non c’è niente di giusto o sbagliato da intraprendere, gioca, senza escludere niente, senza selezionare, sii presenza senza strategie. Lo sei, abbi pazienza. Danzala, quell’impazienza. Amala. Quella vulnerabilità. Abbracciala. Quel non sono abbastanza. Indagalo. Assapora, tutto. Nessuna parte esclusa.

Guardando la luna

all’alba

solitaria, in mezzo al cielo

conobbi completamente me stesso,

nessuna parte esclusa [I. Shikibu]

Amore&Meditazione
L’oro del mattino –
Pratiche dal V. B. Tantra, meditazioni attive, più o meno meno conosciute, dal mondo di Osho e alla luce della mia esperienza.

Vieni, non ti serve niente, a parte ciò che già sei. Scambialo. Ci arricchiremo, insieme.
Tutti i lunedì dal 25 settembre 2017, Centro di Ricerca Ky, Cesena.
Info e prenotazioni: 3407880612