Categoria: Auto-Indagine (Self Inquiry)

Su di me – Leggi di più

Su di me – Leggi di più

Pur essendo un “cane sciolto” che crede poco in titoli e diplomi, ho studiato con entusiasmo laureandomi in Pedagogia, indirizzo in Psicodiagnostica(ora LS in scienze dell’educazione), con una tesi di laurea sull’iniziazione esplorata a vari livelli: psicologico, antropologico, esperienziale. A quel tempo (anni 80), infatti, vivevo in prima persona un’esperienza d’iniziazione, quella al neosannyas dell’impertinente e…

Read More Read More

Sulla meditazione

Sulla meditazione

Con meditazione sono indicate spesso una serie di tecniche e pratiche (in movimento, seduti, distesi) che, in realtà, sollecitano lo stato meditativo di per sé naturale e sempre presente, come un cielo sotto la coltre di nuvole e la superficie nitida di uno specchio sotto la polvere. Presenti al fuori e in contatto fermo dentro. È…

Read More Read More

Aiutare in emergenza (e non solo)

Aiutare in emergenza (e non solo)

Note (sistemiche) mosse dalla recente alluvione in Romagna e dal desiderio di aiutare, non solo in circostanze di emergenza collettiva. Aiutare, in senso visibile, gratifica. Dare una mano nel bisogno. Diamo per scontato che sia la giusta scelta sempre e per tutti. Traspare talvolta – non in tutti gli aiutatori – una sorta di autocompiacimento,…

Read More Read More

L’imperativo della gentilezza

L’imperativo della gentilezza

Fate i bravi, siate gentili! Un nuovo tormentone? E poi ecco questo bearsi, sbavare, imbibirsi, comandare, promulgare gentilezza. Questo farsi paladini della mansuetudine ha un che di sedazione, di piedi sempre fuori dal fango, di mani disinfettate, di santificata astensione da temporali, tempeste marine, sibili di brezza, mulinelli d’aria e risa sfrenate… Fate i bravi.…

Read More Read More

La bottega sistemica (2)

La bottega sistemica (2)

Tornando a bottega Che cos’è in pratica, “la bottega sistemica”? È un modo per approfondire l’arte delle rappresentazioni sistemiche e familiari, con l’antica attitudine dell’andare a bottega. L’intento è quello di affinare l’ascolto del nostro funzionamento, esponendosi al campo di energia-informazione che ci manifesta e in cui appariamo essere immersi. È affidarsi al corpo, senza…

Read More Read More

Tornando a bottega – la bottega sistemica

Tornando a bottega – la bottega sistemica

la bottega sistemica Una “bottega” di pratica e studio, da pari a pari, volta all’esperienza e ricerca di “soluzioni” create ad hoc per chi partecipa. Soluzioni intese nell’antico senso di “solvi et coagula” ovvero sciogli e riunisci. Il mezzo principale sono le rappresentazioni sistemiche più conosciute come costellazioni familiari e altri elementi d’introspezione, indagine e…

Read More Read More

Ho un blocco – blocchi e contorni

Ho un blocco – blocchi e contorni

Ancora co sti blocchi da sbloccare. In campo esistenziale, intendo. Un’identità pissicologica, quella dei blocchi, creata a tavolino da qualche cervellone. Non sei un chiavistello e neanche uno sciacquone se non, proprio volendo, nella tua immaginazione. Non ci sono blocchi perché non ci sono errori. E se non ci sono chi è bloccato e chi…

Read More Read More

Il cambiamento-breve dialogo

Il cambiamento-breve dialogo

Siccome mi prendo per qualcuno e inoltre per un qualcuno “scacio”, incompleto che cerca un cambiamento verso la “completitudine” e un me risolto, vado, inevitabilmente, in cerca di un me diverso, più appagato. Inevitabilmente – da segnare – niente di scorretto o sbagliato. Umano. Son qui, a dispetto di me stessa, a fornire – in…

Read More Read More

Tutti siamo codardi e fifoni

Tutti siamo codardi e fifoni

Chi non è codardo ovvero fifone, alzi una mano. Più di una volta mi è capitato, che qualcuno che si rivolge a me – di solito una tantum – mi dica stupito: «Ma… allora, anche tu hai paura?”, come se dovessi essere Ercolino sempre in piedi. «Sì, anch’io la sento. Si dice (chi lo dice?)…

Read More Read More

depressione e ansia in tempo di crisi

depressione e ansia in tempo di crisi

La mente psicologica – “il pensarsi addosso” come lo chiamo io – rischia di normalizzare la depressione, quando è possibile, invece, coglierne l’opportunità. Normalizzare, di questi tempi – soprattutto di questi tempi – significa stigmatizzare come malattie dei legittimi stati d’animo, in modo da farne dei malesseri perpetui, creando dei “malaticci” in costante ricerca di…

Read More Read More